domenica, marzo 25, 2007

Lettura

Buonasera a tutti!
Stasera a Superquark tratteremo un mondo a molti sconosciuto: entreremo nel microcosmo della...lettura!
Molte persone in verità leggono, e quelle che normalmente lo fanno divorano con voracità moli e moli di libri. Perchè una volta che il morbo della lettura ti ha contagiato non ti molla più =)
Tanti e tante intorno a me leggono assiduamente libri dai generi più disparati, ed anche io, alla fine, mi dedico, a seconda delle loro influenze, a tantissimi e varissimi autori.
Nonostante questo post dovesse uscire mOOOOlto tempo fa ed in forma diversa mi sono riproposto di farlo oggi, non so nemmeno io bene perchè.
Ebbene fate conto che sarebbe dovuto essere datato al 15 Gennaio, più o meno (anche prima in realtà).
Si, perchè tutto nacque in relazione allo stupendo capodanno passato a Roma, con degli amici grandissimi, quali Riccardo e Cristina.
In quell'occasione a causa di un mio ritardo nella prenotazione del biglietto ferroviario (cvd = come volevasi dimostrare) fui "costretto" a fare il viaggio Torino-Roma e relativo ritorno, da solo, senza la compagnia di alcun amico.
Ovviamente questo non è stato un problema, ma il dover trascorrere 4-5 ore da solo, chiuso in un tremo dopo un po' è snervante.
Allora chiesi a Ricky di prestarmi uno dei libri scritti da un autore che 2 anni fa ha riscosso un grsndissimo successo, anche a livello internazionale.
Basterebbe citarvi i titoli dei suoi primi due libri per farvi capire di chi si tratta: "Io uccido" e "Niente di vero tranne gli occhi".
Vi sento, vi sento! =)
Naturalmente si tratta di Giorgio Faletti, una persona dallo spirito DAVVERO poliedrico. Dal famoso "Porco il mondo che c'ho sotto i piedi!!" della guardia giurata Vito Catozzo, uno dei personaggi che interpretava, più giovane, in Drive In, al "Minchia signor tenente" in una canzone di Sanremo.
Senza considerare che scrisse una delle canzonette che da gagno più mi piacevano, "Ulula" (probabilmente non vi dirà nulla...).
Ebbene quest'ometto dai mille interessi =P ha scritto in un recente passato dei libri che hanno ricevuto un ampio consenso di pubblico.
E con il successo sono arrivate anche alcune partecipazioni a film come "Notte prima degli esami".
Ora non so bene a cosa sia dovuta questa sequela di successi, ma sono contento per lui.
Ma non divaghiamo: tornando a noi -dicevo- chiesi a Ricky uno dei suoi libri e lui mi prestò l'unico che aveva al momento, ovvero "Niente di vero tranne gli occhi", libro che alla fine, mi viene da ridere ripensandoci, non ho per nulla letto sul treno, dato che mi sono dedicato alla musica ed al riposo.
Tuttavia arrivato a casa mi sono fiondato sulle pagine dell'avvincente thriller.
Risultato: dopo 4-5 giorni l'avevo finito.
Così decisi che vi avrei proposto le mie riflessioni a riguardo e le frasi che mi avevano colpito maggiormente.
Però tutto questo è stato rimandato poichè, incuriosito, mi comprai di lì a poco, il primo successo editoriale dell'autore, "Io uccido".
Niente da dire, due libri davvero ben scritti: dopo altri 5 giorni avevo letto anche il secondo! E considerate che i libri solitamente li leggo la sera prima di dormire o in momenti che reputo morti!
Probabilmente comprerò anche i successivi libri.
Comunque non vi ho più riportato alcun passo dei libri che mi hanno colpito, ma questo ormai non ha più importanza, sebbene mi sia tenuto proprio per questo motivo, il libro di Riccardo! =)
A breve glielo restituirò visto che siamo al 25 di Marzo =P
Scusami! =) =)
Al momento mi sto dedicando alla lettura di un libro di psicologia, molto interessante e pratico, che mi ha prestato una persona con la quale, mi scuso, ma in questo periodo ho avuto qualche screzio (purtroppo...).
Lo sto leggendo con mille motivazioni, ma proprio perchè di stampo psicologico, mi sono imposto di non correre e capire davvero e pienamente il significato di ogni singolo passo.
Alla fine si tratta quasi di un manuale, che mette a confronto le strategie e le risposte a un problema comune, la persuasione.
Si parte dalla persuasione vista in senso negativo, quella del convincere una persona a proprio vantaggio ma la cosa interessante è che l'esempio pratico è molto e sottolineo MOLTO utile nella vita comune di ognuno di noi.
Sono arrivato al terzo capitolo di questo libro, che suddivide i suoi concetti in ordine, presentando un concetto per ogni capitolo ed utilizzando un concetto solo se -ovviamente- precedentemente espresso.
Detto questo penso che vi lascerò a meditare su cosa stiate leggendo voi, sempre che leggiate.
Ah...vi interessa il titolo dell'ultimo libro?
Si intitola "Le armi della persuasione" di Robert B. Cialdini (italo-americano).
Dai ragassuoli, ci sentiamo.

1 commento:

Fabio ha detto...

Già che c' eri, potevi pubblicizzare il mio libro!